Avvenimenti storici importanti

Panorama di Laghitello (davanti) e di Lago del 1930

ANNO

EVENTO

DESCRIZIONE

1923

Emigrazione        clandestina            di musicisti

Parecchi musicisti della Banda dei Combattenti di Lago emigrarono clandestinamente a New York, e  grazie all’aiuto di Fiorello La Guardia, Deputato al Congresso americano, venne concesso loro il permesso di residenza per almeno sei mesi.

1951

Costruzione delle Case Popolari

Il finanziamento fu ottenuto dal Governo italiano  grazie ai rapporti diplomatici che Alberto Cupelli aveva intrapeso con don Luigi Sturzo, fondatore del Partito Popolare Italiano ( che successivamente divenne “Democrazia Cristiana”).

1951

Comitato di Soccorso
Pro-Lago

Alberto Cupelli, Vice Console laghitano a New Haven (Conn.) formò assieme a Leonardo Bruni, Giacinto Cupelli (padre dell’allora Sindaco di Lago, Carmelo Cupelli) e Giuseppe Vozza,  il “Comitato di  Soccorso Pro-Lago”.
Il Comune di Lago era in grande difficoltà economica, e non aveva denaro per acquistare il terreno necessario ad ampliare  il Cimitero di Santa Maria,  ed in America  era arrivata la notizia che non c’era più spazio per seppellire i deceduti. Così il Comitato raccolse denaro fra i paesani per inviarlo al Comune.

1956

Inizia la pubblicazione del Bollettino Parrocchiale

Con il “Bollettino Don Federico Faraca iniziò una comunicazione costante con le comunità laghitane nel mondo.
Divenne un periodico di vita religiosa ma anche di informazione, di cultura e di attualità dei laghitani dentro e fuori il paese.

1973

Alberto Cupelli scrive la “Storia di Lago”

Alberto Cupelli, emigrante,  co-editore  della rivista “Mondo” di New York e  Vice- Console a New Haven (Conn.), scrisse un manoscritto sulla Storia di Lago conservato nella Biblioteca Civica di Cosenza.

1981

Fondato il “Circolo di Lago” a Toronto

Domenico Groe fondò  il “Circolo Culturale di Lago” che per 45 anni ha offerto solidarietà ai suoi soci laghitani per attenuare la nostalgia del paese e peradattarsi all’ambiente canadese.

1982

Parroco di Lago, Don Federico Faraca,  visita i laghitani  all’estero

Viene  accolto  a Montreal, Toronto, Oshawa, New York e Philadelphia.

2003

Parroco  Don Alfonso Patrone visita i laghitani all’estero

Viene accolto a Toronto, Oshawa, Pittsburgh, Sault St. Marie, Edmonton. A Toronto partecipa alla “Festa della Madonna delle Grazie”.

      DESCRIZIONE di  AVVENIMENTI   IMPORTANTI

Calabria Storia

ANNO
DESCRIZIONE di  AVVENIMENTI   IMPORTANTI

1268

Esisteva nel Feudo di Lago (“fuori porta di Mendicino”) un monastero di  monache , chiamato “Santa Maria di Ponticelli”. Carlo I d’Angiò affidò il feudo di Lago  all’Abbadessa del Monastero.

1269

Carlo I d’Angiò affidò Lago al nobile Giordano Ruffo di S. Lucido CS, antenato del Cardinale Fabrizio Ruffo (organizzatore dei Sanfedisti contro i napoleonici)

1309

Lago diventò possedimento di  Carlo Ruffo,  figlio di Giordano Ruffo

1316-34

Costruzione e consacrazione della Chiesa di San Nicola di Lago

1422

Lago venne aggregata al capoluogo (Cosenza)

    1425-    1556

Lago  diventa un feudo dei seguenti feudatari:

  • Antonio Sersale  (nel 1442), il quale riceve da Alfonso I d’Aragona la “Castellana” di Aiello (Lago rimase unito al feudo di Aiello fino al 1811)
  • Francesco Marano (c’è ancora al paese, la “Ruga e Maranu”
  • Francesco Siscar  (primo Conte d’Aiello): dal 1463 al 1556

1556-1821

Lago fu unito alla Contea di Aiello. Il paese  viene messo all’asta per debiti, ed il Principe  Alberico Cybo-Malaspina d’Este acquista il feudo (nel 1556 per 38.000 ducati), poi  Maria Cybo sposa il Principe di  Montemiletto (al paese c’è “via Montemiletto”), rimanendo feudatari fino al 1792, anno in cui Beatrice Cybo d’Este, arciduchessa d’Austria, divenne erede.
Il 30 ottobre 1787, il feudo venne ceduto  per 130.000 ducati  a  Rostaino Cantelmo Tocco Stuard, Principe di Montemiletto. 
Nel 1799, i francesi instaurano la Repubblica Partenopea contrastata dal  cardinale calabrese Fabrizio Ruffo, facendo ritornare sul trono re  Ferdinando  il Borbone.
 I francesi  fecero di Lago un “Luogo”, cioè, “Università”  nel governo di Amantea, e  fu istituita, con le rendite residue del Convento dei Frati Scalzi di S. Agostino al Pantanello, una Scuola Pubblica. Il Convento era stato soppresso almeno dal 1796, alcuni anni prima dell’occupazione francese.
Nel 1811, Lago divenne Comune nel circondario di Aiello, ma col ritorno borbonico, fu ricollocato nel 1816 nella giurisdizione di Amantea.

1614

Inizia la costruzione del Monastero dei Frati Agostiniani di S. Maria degli Angeli al Pontanello  (soppresso almeno dal 1796).

1638

Terremoto a Lago (non vi fu nessun morto, ma crollarono 52 case, danneggiate 81). Danneggiata anche la Chiesa di S. Nicola ed il Convento Francescano di S. Maria, mentre la  Chiesa di S. Maria delle Grazie di Laghitello fu semidistrutta . 

1652

Costruzione della Chiesa di S. Maria dei Monti (ad Nives)

1656

Peste bubbonica

1750

Inaugurata la Chiesa di S. Giuseppe (si chiamava “Chiesa di S. Giacomo”)e risultava attiva già nel 1574 quando fu edificata dagli Spagnoli. Vi operava una Confraternita e nel 1776 venne ufficialmente denominata  “Chiesa di SS. Immacolata, San Giuseppe e S. Giacomo”

1757

La vigilia di Natale, nella Chiesa di San Nicola, vengono arrestati dalle autorità civili, dei laghitani, tra cui Benigno Palermo, con il pretesto che portassero illegalmente delle armi.

fine 1700
Chiesa di S. Giuseppe
denominata

Si chiamava “Chiesa di S. Giacomo” diventa  quella di “San Giuseppe” per l’accresciuto culto dei laghitani nei confronti di quest’Ultimo in quanto sede della “Confraternita dell’Immacolata,  San Giuseppe e San Giacomo”

1806-07

Lago viene occupato dalle truppe francesi napoleoniche del Generale Gardon.Sono stati uccisi circa 100 laghitani ribelli ( erano circa 200  i  laghitani della spedizione “sanfedista” del Cardinale Fabrizio Ruffo) tra cui il Sacerdote don Nicola Aloe, e  Nicola Cino (sparato sul campanile di San Nicola mentre avvisava la popolazione dellarrivo dei francesi, suonando le campane). Nel decennio di “democratizzazione” di Giuseppe Buonaparte e Gioacchino Murat furono soppressi i beni della manomorta e le terre agricole  furono rese libere. E’ stato incendiato e soppresso il Monastero  di S. Maria del Soccorso  che sua autonomia come Parrocchia, diventando una“filiale” di S. Nicola. Le proprietà terriere e le “torri” del Convento furono acquistate tra il 1811 ed il 1813 dal dott. Don Pasquale Mazzotti .

1811

Laghitello non è più Comune autonomo, ma  diventa parte del Comune di Lago.

1813

Dinastia borbonica ristabilita nel “Regno delle Due Sicilie”

1819-20

Crolla la Chiesa e Convento di S. Maria degli Angeli nel Pantanello

1821

Le terre dei Montemiletto furono acquistate da don G. Pietro Mazzotti ed in minor misura, da Don Pasquale Cupelli.

1828

La Chiesa di San Sebastiano viene interdetta al culto. Nel 1831 è stata adibita a
“Scuola di Grammatica” per fanciulli.

1848

Ludovico ed Orazio Gatti cospirararono contro i Borboni, e fondarono a Lago la “Giovine Italia”. Le famiglie laghitane dei  Falsetti, Turchi, Posteraro, Gatti, Caruso e Zingone appoggiavano tale gruppo Mazziniano che mirava all’unità dell’Italia

1858

Consacrazione della attuale Chiesa della SS. Annunziata, progettata, finanziata e artisticamente valorizzata dal nobile artista, Pasquale Mazzotti. Dati storici indicano che la Chiesa era attiva fin dal 1615.

 

1860-70

 

Nel 1860, i fratelli Gatti (Ludovico ed Orazio), il notaio Francesco Politani ed altri sette laghitani (Carlo Abate, Luigi Barone, Vincenzo Falsetti, Ferdinando Posteraro, Luigi Nacccarato, Luigi Spina e Francesco Turco) si arruolarono nell’esercito di Giuseppe Garibaldi nelle Guerra d’Unificazione d’Italia.

Nel 1866 Giovanni Carusi ( di Lago) seguì Garibaldi  nel Tirolo e pubblicò il libro:“Il mio viaggio e le mie avventure”.

Nel 1870, un nostro paesano, Tommaso Bruni  partecipò con le truppe di Garibaldi alla Presa di Porta Pia.

1882

Vincenzo Posteraro fu il primo emigrante laghitano che andò negli USA: arrivò a New York il 28 febbraio 1882.

1895

Costruita la linea ferroviaria tirrenica, Napoli- Reggio Calabria che passa per Amantea

1905

Lago fu fortemente danneggiato dal terremoto specialmente  Chiesa di S. Maria del Soccorso.

1910

La diligenza tirata dai cavalli fu sostituita dall’autocorriera  acquistata con i soldi  inviati da un emigrante, Luigi De Grazia.

1919

Rivolta popolare del  21.7.1919 perché scarseggiavano i generi di prima necessità: il Sindaco don Vincenzo Palumbo con tutta l’Amministrazione fu costretto a dimettersi,  e vari negozi furono saccheggiati.

1926

Inizia l’erogazione della luce elettrica a Lago

1927

Terrati  cessa d’essere Comune autonomo diventando una Frazione di Lago

1940

Istituito  a Lago l’Asilo d’Infanzia gestito dalla Suore Guanelliane

1946

Referendum popolare (del 2 giugno) vince la Repubblica sulla Monarchia con 1898 voti contro  865.

1950

Inizia costruzione delle  Case Popolari  nel Rione Nuovo per gli alluvionati di Laghitello

1962-74

Costruita  il tratto dell’autostrada  Salerno- Reggio Calabria

1962

Guardie Municipali (Giuseppe Naccarato e Nicola Piluso) vanno in pensione

1963

Municipio trasloca: da Piazza del Popolo  si sposta  nell’abitazione di Rachele Coscarella  (dal 1968  in Piazza Matteotti) e la Parrocchia di Laghitello viene aggregata  alla Diocesi di Cosenza

1972

Fondata a Cosenza  l’Università degli Studi della  Calabria

1975

Inaugurata la Superstrada n. 278, Lago-Amantea

1992

Astronauta d’origine laghitana Mario Runco Jr. onorato a Lago

2001

Metanizzazione nelle abitazioni di Lago

2003

Mostra a Lago dei quadri del pittore aiellese Raffaele Aloisio (n.1800) nella Chiesa di S. Nicola in occasione della Festa di S. Francesco di Paola (21-28 luglio). La stessa mostra fu ripetuta nel 2005 (17-31 luglio) nella Chiesa di San Giuseppe,  aggiungendo a quelle di Aloisio,  le opere pittoriche di Cristoforo Santanna (nato a Marano Marchesato CS nel 1734).

2005

Pubblicazione libroLaghitani nel Mondo” di Francesco Gallo

2008

Creazione del SITO WEB  www.laghitaninelmondo.com

2016

Inaugurazione dell’ Associazione Laghitani nel Mondo

         VIDEO sulla VISITA di MARIO RUNCO JR a LAGO  nel luglio 1992  

          Cercare su Google:  per Lago Mario Runco Jr  1992        

         VIDEO sull’ INAUGURAZ IONE della ASSOCIAZIONE LAGHITANI nel MONDO e                                                                 FESTA dell’EMIGRANTE 12 agosto 2016 a Lago in piazza Matteotti

http://www.perlago.it/www.perlago.it/perlagotv/ondemand/categorie/tradizioni_folklore/tef_24.html                                                                                 

CONCLUSIONE

In conclusione, possiamo notare, da quanto appena elencato che le guerre,  le repressioni,  i terremoti,  il feudalismo, le invasioni ed  il banditismo hanno rallentato il progresso di Lago, limitando particolarmente  l’agricoltura. Infatti,  tutta la Calabria  è stata da sempre depredata ed oppressa, limitando il suo sviluppo di regione produttiva e fertile. Fortunatamente,  l’obbligo scolastico, le linee ferroviarie, l’autostrada, la Cassa per il Mezzogiorno, l’Opera Sila, la produzione di energia elettrica in Sila, la creazione dell’aeroporto di Lamezia, il porto di Vibo Valentia  e l’Università degli Studi della Calabria a Rende (CS), hanno contribuito  a ridurre l’isolamento culturale ed a migliorare la situazione socio-economica del paese.
Termino questa introduzione storica, auspicando e sperando che le difficoltà subite dal laghitano nel corso dei secoli, lo facciano diventare sempre pronto e  coraggioso nel cercare di risolvere le problematiche della vita, anche se ha da sempre dimostrato di essere attento e riflessivo nelle sue scelte. A Lago vive gente sobria, frugale e modesta, attaccata al vivere civile. Infatti,  è rarissimo che in paese avvengano dei fatti di violenza per delitti passionali, per  vendetta o  per motivi d’interesse.